La medicina estetica: un percorso continuo di innovazione e benessere

La storia della bellezza (e della medicina estetica) è probabilmente vecchia come la storia della medicina stessa, già nell’antico Egitto, infatti, si impiegavano olio animale, sale, alabastro e latte acido per il trattamento della pelle.

Il termine “medicina estetica” compare per la prima volta nel 1973 con la fondazione della Società Francese di Medicina Estetica ad opera del medico endocrinologo Jean Jacques Legrand. La società nasce con lo scopo di introdurre una branca medica multi disciplinare, volta non solo alla correzione dei vari inestetismi del corpo, ma soprattutto alla realizzazione di uno stato di benessere psico-fisico.

Il cambiamento dello stile di vita, che fa emergere la richiesta di un benessere basato sull’efficienza, sulla presentabilità sociale, sull’equilibrio psichico e sulla capacità di relazione con l’ambiente porta ad una grande diffusione della Medicina Estetica.
Il costante progresso scientifico e tecnologico, inoltre, favoriscono l’adozione di metodologie mediche e fisioterapiche che possono permettere un miglioramento dell’estetica del corpo.

Nella storia della Medicina Estetica, queste sono alcune delle principali innovazioni:

  • 1965 il silicone (la cui applicazione venne ristretta nel 1976 per ragioni di sicurezza)
  • 1981 il filler facciale con il collagene
  • 1992 la tossina botulinica utilizzata in Italia 2004
  • 1998 l’acido ialuronico
  • FDagli anni 90 hanno grande diffusione anche i sistemi laser per epilazione, i sistemi a luce pulsata e la tecnologia frazionata, che hanno aperto la strada a trattamenti non ablativi o quantomeno mini invasivi.

Quali sono i reali obiettivi della Medicina Estetica?

La Medicina Estetica promuove la concezione di un benessere globale, mediante programmi educativi, preventivi, curativi e riabilitativi. Nella costruzione e ricostruzione di un’armonia e di un equilibrio individuale.

Il primo insegnamento della Medicina Estetica è conoscere e accettare le strutture fisiche ereditate, per proteggerle e gestirle secondo le regole di igiene di vita: alimentare, fisica, cosmetologica, psicologica e comportamentale.

La Medicina Estetica oggi:
la nuova frontiera dei trattamenti mini-invasivi

Oggi gli utenti chiedono maggiormente trattamenti non invasivi: in questo contesto la Medicina Estetica ha fatto passi da gigante, permettendo di offrire una vasta gamma di soluzioni che permettono di rimediare o attenuare i segni del tempo in maniera non invasiva.

Lascia un commento!